NEWS - Tutte le foto del Marocco 2014 e delle Canarie 2014!!

NEWS - Tutte le mie fotografie!!

Tunisia - Foto - 1

Indice
Tunisia
Introduzione
Scheda informativa
Cartina
Itinerario
Foto - 1
Foto - 2
Diario
Musica
Letteratura
Tutte le pagine

Foto - 1

Strada di Houmt-Souk, DjerbaStrada di Houmt-Souk, Djerba

Il mio viaggio solitario parte da Djerba, l'isola dei lotofagi.

Dove sbarcò Ulisse e dove i suoi compagni si cibarono di un frutto, il lotos, che li fece innamorare di quest'oasi verde circondata d'azzurro, tanto da non potere più lasciare l'isola.

Ed in effetti è così affascinante, così meravigliosa che senza mangiare alcun frutto, ma solo cibandosi della sua vista, dei suoi profumi, dei suoi colori, risulta quasi impossibile lasciarla alle proprie spalle. (P.S. Città turistica a parte...)

 

Mercato di MedenineMercato di Medenine

 

Proseguendo verso Nord, si giunge all'oasi marina di Gabès, città marina e sahariana allo stesso tempo, caratterizzata dal suo grande palmeto di palme da datteri.

Scriveva André Gide: 'Gabès, giardino di fiori e di api, dove i profumi impregnavano talmente l'atmosfera che avrebbero potuto sostituire il cibo, e inebriavano come il vino' .


All'interno dello ksar di MedenineAll'interno dello ksar di Medenine

 

Si prosegue poi per la città di Medenine, in cui si può assistere al surreale e fiabesco mondo degli ksar e delle ghorfa.

Lo ksar è una specie di quadrilatero formato da un insieme di grotte sovrapposte, le ghorfa, in cui veniva anticamente accumulato il grano.

In caso di pericolo, gli ksar potevano anche servire da rifugio, mentre in tempo di pace diventano centro di mercato e di vita sociale.

 

All'interno dello ksar di MedenineAll'interno dello ksar di Medenine

 

 

A Medenine, la zona del mercato è circondata da più di 5000 ghorfa, passegiando tra le quali si può avere la sensazione di essere giunti su un altro pianeta.

Il contrasto, in una non rara giornata di sole, del cielo blu splendente, con queste costruzioni color sabbia, rende ancora molto più affascinante queste costruzioni che sembrano fondersi nella terra.

 

Piccolo 'troglodita'Piccolo 'troglodita'

 

 

Proseguendo verso l'interno, si giunge alla zona del deserto di montagna.

Questa zona è la cosidetta zona dei Matmata, o dei villaggi trogloditici.

Questi villaggi sono così denominati per le abitudini di vita degli abitanti del luogo, per i quali il tempo pare essersi fermato all'età della pietra.

 

Deserto di montagnaDeserto di montagna

 

 

 

Caratteristiche di questa zona sono le abitazioni, scavate sotto terra in piccoli crateri, ai quali si accede mediante una galleria e sui quali si affacciano le differenti abitazioni scavate nella roccia.

 

Suggestivo gruppo di palmeSuggestivo gruppo di palme

 

 

 

Questo affascinante panorama lunare, tipico del deserto di montagna, ha infatti costituito una degna ambientazione per gran parte del primo episodio di Guerre Stellari.

 

 



 
  • images/viaggi/slideshow/bpe12.jpg
  • images/viaggi/slideshow/bpe18.jpg
  • images/viaggi/slideshow/bpe30.jpg
  • images/viaggi/slideshow/bpe45.jpg
  • images/viaggi/slideshow/brazil25.jpg
  • images/viaggi/slideshow/brazil52.jpg
  • images/viaggi/slideshow/cuba56.jpg
  • images/viaggi/slideshow/guatemala02.jpg
  • images/viaggi/slideshow/india53.jpg
  • images/viaggi/slideshow/india76.jpg
  • images/viaggi/slideshow/nz30.jpg
  • images/viaggi/slideshow/tan15.jpg
  • images/viaggi/slideshow/tan17.jpg
  • images/viaggi/slideshow/tan46.jpg
  • images/viaggi/slideshow/thailandia-011 - Copia.jpg
  • images/viaggi/slideshow/thailandia-011.jpg
  • images/viaggi/slideshow/thailandia-019.jpg
  • images/viaggi/slideshow/thailandia-071.jpg
  • images/viaggi/slideshow/vietnam25.jpg

Apprezzi il mio lavoro?

Qualcosa che hai letto ti ha colpito?

Vorresti viaggiare ma non puoi farlo?

Aiutami a continuare a scrivere e viaggiare...

Prossimi viaggi
Non ci sono eventi al momento.
Viaggi passati
Mostra tutti...
Uno dei piaceri del viaggio è immergersi dove gli altri sono destinati a risiedere, e uscirne intatti, riempiti dell'allegria maligna di abbandonarli alla loro sorte.

Jean Baudrillard, Cool memories II 1987-1990, 1990
devin_foresta.jpg